venerdì 30 agosto 2013

Benevento anni 50'

Zona antistante la camera di Commercio

Duomo

Duomo

Duomo  e grandi magazzini UPIM

Palazzo del Governo e Camera di Commercio

Panorama del Rione Libertà

Panorama del Rione Libertà , visto dai giardinetti del viale degli Atlantici

Piazza Bissolati e viale Principe di Napoli

Ponte sul fiume Calore










domenica 25 agosto 2013

Benevento: Panorama dal ponte Santa Maria degli Angeli


venerdì 16 agosto 2013

Conserva di pomodori...antica ricetta beneventana




I pomodori dopo essere stati scelti e lavati, venivano messi nei "tiani"...grandi tegami...., intanto veniva fatto riscaldare l'antico forno a legna , quindi venivano inseriti i tegami e poi chiuso, in genere questo veniva fatto la sera.
La mattina i tegami venivano tolti e i pomodori messi in un particolare recipiente tipo la "fazzatora", infatti era  di forma rettangolare con pareti di legno e unica differenza che presentava alla base un setaccio di metallo; qui i pomodori venivano lavorati a mano, fino a separare i semi e la scorza dalla polpa.
Poi si raccoglieva questo sugo concentrato in vari recipienti di coccio o tavole di legno, si salava e si metteva al sole, dove rimaneva per diversi giorni finchè non si seccava. 
A questo punto la conserva era pronta, si raccoglieva il tutto in un unico grande recipiente detto "cotturo" che veniva prima unto con un po' d'olio d'oliva e coperto poi con foglie di gelso.
Quando si cucinava si prendevano uno o due cucchiai ( due cucchiai erano sufficienti per preparare un pranzo per 5 o 6 persone) di conserva che veniva aggiunta al soffritto di olio cipolle oppure olio e aglio, in seguito si aggiungeva dell'acqua per diluire, "stemperare", la conserva. Così si preparava il sugo.