domenica 13 maggio 2018

Piazza Commestibili

Alla fine dell’800’, dopo l’Unità d’Italia, la Nuova Amministrazione di Benevento, fu chiamata ad affrontare il problema del Mercato Alimentare, che si svolgeva, da tempo immemorabile, a Piazza Orsini, luogo inidoneo soprattutto dal punto di vista igienico-sanitario . Dopo varie ipotesi, fu scelto un luogo fuori dalle mura, vicino Porta Rufina. Tra mille difficoltà economiche e di progettazione la realizzazione andò avanti  per decenni, fino ad arrivare al 1903, quando finalmente il nuovo mercato fu inaugurato e fu chiamato: “Gran Piazza”. Sul lato Est si posizionarono i Macellai detti, all’ epoca, “Chianchieri”,  sul lato in fondo, di fronte all’entrata c’erano i Pescivendoli  che avevano come specialità le anguille pescate nel fiume Calore, mentre, sul terzo lato, opposto a quello dei macellai, c’erano i salumieri (pizzicagnoli) e i pastai. Al centro della Piazza, sotto le pensiline, si posizionavano i contadini che ogni mattina portavano verdura e frutta fresca i cui prezzi venivano imposti dalle Guardie Municipali dopo aver valutato la bontà della merce.